Impianto di compostaggio a Napoli Est

Napoli Est, raccolta differenziata:  continua la tele-novella?

Nello accresciuto disordine globale, che caratterizza abbastanza tutta l’attività socio-politica nazionale, non meravigli  constatare che non vi sia ordine proficuo nei dispositivi comunali di una Città come Napoli. Più sono territorialmente ed abitativamente congestionate, più la rappresentanza politica di dette Città (Metropolitane ?) risulta inefficace nella gestione delle stesse, caratterizzate da miriadi di problemi, che ne congestionano irrimediabilmente la vita.

Obiettivi risolutivi di lungo, medio e breve termine pertinenti la vita cittadina, pur individuabili nella congestione giornaliera, non riescono a trovare programmazione e soluzione.

C’è da rassegnarci a vivere un simile contesto sociale, abitativo, etico, economico, culturale sempre più in degrado a danno dei parametri della umana salubrità ?

Siamo di fronte ad una problematica complessa e pesante, che ci tocca e ci prevarica nel vivere quotidiano con grave danno sui parametri vitali umani, corporei, genetici, nutrizionali, ambientali,  salutistici, culturali, eccetera.

Ed è pur grave constatarne con amarezza gli effetti. Ma è ancor più triste fermarsi alla semplice constatazione, senza trovarne le cause originanti e i possibili risolutivi rimedi.

Noi proviamo a non rassegarci e a non appiattirci, seguendo, per quanto possibile, un percorso logico ed analitico .

Il nostro  “sistema amministrativo sociale locale”,  composto dal Comune di Napoli e dalla nostra  VI Municipalità ,  dispone di una  Pubblica Amministrazione Cittadina  cui compete organicamente la civica statutaria gestione territoriale. Senza omettere i collegamenti sinapsici con Regione e Governo centrale statale.

Purtroppo nella detta gestione si notano incongruenti e deleteri atti deliberativi ed esecutivi che, spesso, nella finalizzazione operativa non trovano esaustivi e proficui risultati per la cittadinanza in senso lato. Un fenomeno ricorrente fin troppo palese ed appariscente, legato, per altro,  spesso ad un sistema nazione non tanto diverso per negatività programmatiche ed organizzative, da cui risultano essere saldamente e sistematicamente caratterizzate.

Una “Pubblica Amministrazione” apparentemente semplice nella sua schematica gerarchica: Stato-Nazione, Regione, Comune, Municipalità e relativa gerarchia di Organi di controllo.

Indubbiamente governare la cosa pubblica prevede scelte razionali e ponderate, attuabili nello interesse sociale generale.

Non è certamente facile, stante la complessa ed appesantita farraginosità dell’articolazione strutturale specificamente “amministrativa”  che ne ingarbuglia percorsi di individuazione, di scelta, di deliberazione, di finanziamento, di realizzazione … di verifica e collaudo, di messa in esercizio e fruizione pubblica.

Rebus sic stantibus.Stando così le cose,  ci accingiamo ad una rivisitazione della tematica relativa alla “raccolta, allo smaltimento ed al riciclo della  spazzatura” nell’ambito territoriale in cui viviamo.

 Di cotanta materia se ne discute, se ne legifera, se ne parla, ormai da tempo ed in vari livelli di governo, di vicinato e … in famiglia. Verba volant  et “munnezza” manet .

Sì, ci rimane fuori porta, per strada, per terra, dentro e fuori gli insufficienti cassonetti. E poi a distesa marcescente ed in fermentazione spinta in spiazzi urbani  e lungo i margini stradali, sotto ponti e sopraelevate. Distese di terreno di cultura batterica per potenziali infezioni di ogni genere. E chi pensa ai costi della salute?

Eloquenti e non più deterrenti le migliaia di foto di tale materiale fotogenico con angolature le più svariate delle  pubbliche (?) discariche d’angolo … fuori porta.   Foto che ci lasciano pensosi per qualche attimo e si disperdono nell’oblio umano.

E veniamo al  recente incontro sul tema avvenuto in Napoli Est, precisamente in Ponticelli lo scorso 2 maggio (2018) presso il teatro “M. Scarpetta” in Via Madonnelle.

 Un incontro con il Dott. Raffaele Del Giudice, Vicesindaco e Assessore all’ambiente del Comune di Napoli,  ospite del Comitato civicoPorchiano bene comune”.

Un incontro dalle ampie e concrete aspettative illuminanti sul tema complesso dello smaltimento dei rifiuti e sul ventilato progetto del Comune di Napoli di realizzare in Via De Roberto un “Impianto di compostaggio”.

E’  ben nota la competenza in materia di problematiche ambientali dell’Assessore interpellato. Basti dare uno sguardo al curriculum di Del Giudice sul sito del Comune di Napoli.

Ed è con rammarico che, per  “Napoliestinmovimento” , non abbiamo  potuto presenziare all’incontro, come avremmo voluto. Ma ci siamo documentati  a-posteriori  attraverso i diversi report telematici di varie testate del circondario, che hanno dato spazio all’evento,  nonché dalle ampie notizie e foto in tema,  diffuse via internet da due attivi ed attenti concittadini dell’area Napoli-Est, Alessandro Bottone (Laureato in Scienze della Comunicazione, collaboratore per la “cronaca” del quotidiano napoletano “Il Mattino”) Marco Ferruzzi (Architetto – Professionista) .

Sull’ impianto di compostaggio ,  è venuta fuori una carente e,  sotto certi aspetti,  deludente situazione di stallo, che non rassicura il circondario sia territoriale che  abitativo. Una programmazione comunale incompleta e preoccupante per la parzialità e la frammentazione della soluzione proposta,  che non trova collocazione in un compiuto progetto globale dello smaltimento integrale dei rifiuti della Città di Napoli.

E se ne parla sempre con frammentarietà e nebulosità di programmazione da parte del Comune di Napoli. Per non parlare della necessaria sintonia con la dovuta programmazione regionale e lo stretto legame della parte di competenza nazionale.

Tanto per la cronaca, un riferimento ad un intervento richiesto il 4 ottobre 2017 ,  ancora dal “Comitato Porchiano bene comune” , rimasto negletto e perpetuatosi come nelle tante foto pubblicate di frequente su facebook dai soliti Ferruzzi e Bottone e da noi.

E sempre per la cronaca … un nostro report del 14 febbraio 2017 : Compostaggio a Napoli Est.  

Così titolavamo:” Regione, Comune di Napoli e VI municipalità … Sic et sempliciter.  Un provvedimento in sordina, che comincia a far rumore.” 

http://www.napoliestinmovimento.it/compostaggio-napoli-est/

E ritornando al Comune e all’Assessore Del Giudice:  hanno dato assicurazioni parziali che, in loco a Napoli Est, destano fondata preoccupazione.

Sembra che il “progetto per il riciclo (biodigestore diNapoli Est)” programmato dal Comune e con riferimento anche regionale vada avanti in assenza dell’apposito strumento “Piano d’ambito” di competente pertinenza compilativa dall’ ATO1.

Per  giunta si prevede addirittura che ci saranno problemi di  carenza funzionale anche con la messa in funzione dei non ancora partiti due impianti previsti ad ovest e a nord di Napoli. Per cui anche in futuro l’eccedenza di rifiuti dovrà essere portata (fuori regione.

Già, perché in altre regioni ci sono impianti già da tempo funzionali e altamente ricettivi.

(Nelle foto gli impianti di trasformazione dei rifiuti di Modena)

Insomma una programmazione, quella di Napoli, nata male e male portata avanti …. E non siamo ancora partiti.

Val la pena evidenziare che  gli ATO sono stati istituiti dalla Regione Campania già da due anni.

Una cosa è certa: a Napoli la “raccolta differenziata” è scarsamente effettuata. I cittadini vanno pure edotti,  se non educati! E ciò per vari motivi, strutturali amministrativi , ma anche di costume civico. Quest’ultima civica negligenza non va sottaciuta ed in molti devono fare il mea culpa” …  Autorità in testa.

E,  restando in tema di programmazione,  chiudiamo con una perplessità sulla “partecipazione di Ditte alle possibili gare di appalto per i costruendi Centri di compostaggio e biodigestori” napoletani. Perplessità che ci deriva dalla enorme e complessa mole,anche per  numero, di “disposti” burocratici emanati e regolanti il rapporto di appalto e di costruzione delle dette strutture”. Le abbiamo appena  sbirciate sulla “Home del Comune di Napoli – Bandi di gara e avvisi pubblici ASIA 2017 Gara CDC/001/17 Servizi progettazione e realizzazione impianto compostaggio con recupero di biometano nella zona di Napoli Est – Ponticelli.

Nuova Scadenza: entro le ore 12.00 del 08/01/2018    (Nostra nota: Sic !) E qui di seguitola corposa documentazione prevista ad hoc. 

Bando (128.5 KB)

Atti gara (6.95 MB)

Determina a contrarre (491.24 KB)

Fattibilitá tecnico Economica Novembre 2017 (21.6 MB)

Codice di comportamento (282.05 KB)

Patto di integrità (162.36 KB)

Avviso (pubblicato in data 08/11/17) (169.94 KB)

Chiarimenti pubblicati in data 21/11/17 (70.08 KB)

Chiarimenti pubblicati in data 21/11/17 (156.75 KB)

Chiarimenti pubblicati in data 28/11/17 (16.34 KB)

Chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (I pubblicazione) (8.57 KB)

Chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (II pubblicazione) (11.43 KB)

chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (II pubblicazione) (11.43 KB)

Chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (III pubblicazione)

Chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (IV pubblicazione)

Chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (V pubblicazione)

Chiarimenti pubblicati in data 05/12/17 (VI pubblicazione)

Proroga termini pubblicata il 07/12/17

Proroga termini sopralluogo pubblicata l’11/12/17

Proroga termini di partecipazione e sopralluogo pubblicata il 12/12/17

Avviso cauzione provvisoria (pubb. il 14/12/2017)

Chiarimenti (pubb. il 18/12/2017)

Chiarimenti ulteriori (pubb. il 18/12/2017)

Verbale n. 1 del 12/01/2018 – pubbl. il 23/01/2018(291.04 KB)

Verbale n. 2 del 17/01/2018 – pubbl. il 22/01/2018 (4.53 MB)

Verbale n. 3 del 18/01/2018 – pubbl. il 22/01/2018 (1.69 MB)

Disposizione dirigenziale n. 6 del 08/02/2018 (nomina commissione per la valutazione delle offerte= (443.86 KB)

Curriculum Francesco Mascolo (pubb. il 20/02/2018)(562.21 KB)

Curriculum Giovanni Cestari (pubb. il 20/02/2018)(445.22 KB)

Curriculum Matteo Fischetti (pubb. il 20/02/2018)(169.89 KB)

Verbale (pubb. il 22/02/2018) (205.11 KB)

Dichiarazione insussistenza Giovanni Cestari (pubb. il 23/02/2018) (101.51 KB)

Dichiarazione insussistenza Matteo Fischetti (pubb. il 23/02/2018) (197.87 KB)

Dichiarazione insussistenza Francesco Mascolo (pubb. il 23/02/2018) (105.93 KB)

Verbale n. 4 del 22/02/2018 (pubb. il 08/03/2018)(350.94 KB)

Verbale n. 5 del 22/02/2018 (pubb. il 08/03/2018)(205.24 KB)

Verbale n. 6 del 13/03/2018 (pubb. il 14/03/2018) (1.19 MB)

Verbale n. 7 del 10/04/2018 (pubb. il 13/04/2018)(738.05 KB)

VERBALE VERIFICA ANOMALIA (pubb. il 13/04/2018) (654.8 KB)

Data di pubblicazione: 02/11/2017 (Comune di Napoli) 

 www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/34036

E ci fermiamo qui, lasciando al lettore le considerazioni sulla  … facilità di accesso al bando di gara e al controllo degli eventuali partecipanti, anche in fase di realizzazione d’opera. 

Gerardo Nigro – 8 maggio 2018

P.S. Una esperienza tutta da vedere: Il trattamento dei rifiuti a San Francisco

  • RAI 3 –  Presa Diretta: Strategia “Rifiuti Zero” applicata con successo a San Francisco – 22 gennaio 2012  –   https://www.youtube.com/watch?v=AXgBS9i8-sI
  • San francisco, capitale mondiale del riciclaggio (dei rifiuti) – Video-reportage da San Francisco, la metropoli che ricicla più rifiuti al mondo. Dentro il Pier 96, il super-stabilimento in cui l’immondizia viene separata – https://www.youtube.com/watch?v=DVjW0hXNTQg

 

Rispondi