Napoli-est per un Carnevale tranquillo.

 

CARNEVALE 2017

L’Ordinanza del Sindaco di Napoli a tutela della Pubblica incolumità.  Sarà solo festa?

In data 27 gennaio u.s.   è stata emanata dal Sindaco di Napoli l’apposita Ordinanza in materia di Polizia urbana e tutela della Pubblica incolumità in occasione del Carnevale 2017.  

Com’è noto il periodo del “Carnevale” inizia il 17 gennaio (Sant’Antonio Abbate) per concludersi il 28 febbraio, cioè il  giorno precedente “Le Sacre Ceneri” , che cadono il 1° marzo.

Una Ordinanza abbastanza solerte in considerazione che negli ultimi giorni di febbraio il clima carnacialesco  assume caratteristiche di inciviltà in gesti ed usanze sconsideratamente incivili e violente.  Soprattutto nelle zone di degrado urbano e civico. Accadimenti ricorrenti che hanno più volte causato danni a cose, mezzi, abitazioni e persone.

Pertanto dal nostro spazio telematico  si  plaude alla sufficiente solerzia della Pubblica Amministrazione Comunale di Napoli per la emanazione della presente “Ordinanza Prot.2 – 27. 01.2017”, che riportiamo in calce nel testo integrale.

E’ purtroppo nota  la brutta abitudine carnevalesca  posta in essere da una congrua frangia minoritaria di “cittadini (!!)” che nel periodo di carnevale infuria per le strade arrecando varie molestie, spesso pericolose per la incolumità altrui.

L’Autorità costituita nella propria Ordinanza ha  ben delineato persone e modalità moleste e pericolose, verificabili potenzialmente sulle strade della Città  ed in particolare nelle periferie.  Raccomandiamo un’attenta lettura nel testo sindacale.

Per le nostre caratteristiche editoriali ci soffermiamo a considerazioni di impatto locale di pertinenza a Napoli-Est. Una zona abbastanza ampia per territorio e notevolmente popolosa..

Nei quartieri popolari di Barra, di San Giovanni a Teduccio e Ponticelli , costituenti la VI Municipaltà di Napoli (Zona Napoli Est) il fenomeno carnacialesco  ha sempre avuto caratteristiche palesemente deviate e notabili anche per  consistenza e  volume delle  peculiari forme perverse e violente.

Notoriamente il fenomeno è rimasto, in genere,  fuori controllo,  in assenza di preposta  vigilanza e mezzi dissuasivi finalizzati a sicurezza e incolumità.

Plaudiamo alla Ordinanza, sia pure chiara, dettagliata e alquanto tempestiva nella emissione. Ma da sola non basta, se rimane “enunciazione” di “principi e dettati testuali”..

Non basta la divulgazione della stessa. E noi ce ne facciamo carico con la notificazione sul nostro blog-sito aperiodico.   Da parte nostra auspichiamo che i nostri lettori ne facciano buon uso e divulgazione, non limitandosi ad una semplice lettura, ma dandone risonanza e diffusione – sensibilizzazione  a cascata..

Riteniamo fondamentale che l’Autorità Civica e di Ordine Pubblico , ai vari livelli di competenza – centrale e periferica – ,  facciano la loro parte,  predisponendo ed adottando mezzi adeguati e pertinenti.

Allo stesso tempo chiediamo che la locale nostra Municipalità, quale Organismo di governo del territorio,  ponga in essere le misure organizzative e di pertinente controllo del territorio facilitando la  repressione di specifici  episodi e/o fenomeni contrari al dettato della stessa Ordinanza. E se del caso richiedendone  tempestivamente adeguamento di idonee risorse,  di mezzi e di personale.

Concludiamo il nostro “report-istanza” con il  consolidato “adagio”:  << Prevenire è meglio che curare>>.

P.S. Il Presente testo viene inviato a mezzo p.e.c.

  • al Sindaco , agli Assessori e al Segretario generale del Comune di Napoli.
  • al Presidente, agli Assessori, ai Consiglieri e al Dirigente  della VI Municipalità di Napoli

Napoli, 30 gennaio 2017  –      Gerardo Nigro

Delibera Comune Napoli n.2 / 2017
Ordinanza Comune Napoli n.2 / 2017 / pag 1 e di seguito pag 2

 

 

 

 

 

Ordinanza Comune Napoli pag 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi